Giusi, Gabri e…

Ciao a tutti! Volevo condividere con voi il risultato di un nuovo lavoro che mi sta dando grosse soddisfazioni: le illustrazioni per un racconto simpaticissimo intitolato ‘Giusi, Gabri e la gara delle caccole.’ L’autrice è Elisabetta Sartori, una logopedista molto in gamba che, assieme a una collega, ha progettato e scritto questo racconto per parlare del neti lota, uno strumento utile a grandi e piccoli… a cosa serve? Per scoprirlo bisogna leggere il racconto, che sarà disponibile presto online, ma vi assicuro che vale la pena saperlo!

Per il momento ditemi la vostra opinione sull’illustrazione di copertina che vi mostro qua sotto… acquerello e pastello…

Ciao e in bocca al lupo a tutti!

2 aprile

Ciao a tutti ragazzi!

Dopo una lunga assenza e tanto lavoro, rieccomi con un contenuto speciale… Un video realizzato dal Comune di Alpignano con il testo e le illustrazioni del mio libro ‘Io mi chiamo Giordi’, per la giornata mondiale dell’autismo. Il video è venuto benissimo e loro hanno fatto un lavoro favoloso, li ringrazio tutti e in particolare Paola Gemello, che ci ha messo tanto amore e dedizione, e suo figlio Luca che è un bravissimo disegnatore.

Eccolo qua di seguito, spero che vi piaccia… Un salutone a tutti!

Colorazione differenziale

Ciao a tutti, oggi condivido con voi un nuovo esperimento. E’ un piccolo disegno che servirà come schizzo preparatorio per un murale in camera mia. In questo caso, ho colorato il disegno in due maniere differenti, per poter riflettere meglio su come riprodurlo su parete, e su quale sarebbe l’effetto migliore… Il primo disegno è ad acrilico con una colorazione adatta a delle illustrazioni per bambini, il secondo è ad acquerello e china, con un impatto un po’ più forte, dei chiaroscuri più accentuati e più ‘fumettoso’ come colorazione… Fatemi sapere quale secondo voi è la colorazione più azzeccata!

Nuova forma d’arte: le vetrine e il loro allestimento

Ragazzi, vi voglio parlare per la prima volta di una cosa che faccio da molti anni, già da prima di fare l’Accademia di Illustrazione. Sto parlando delle vetrine per il negozio della nostra famiglia. Da più di otto anni io le allestisco, unendo alla merce da esporre un genere di allestimento piuttosto personalizzato… Molto spesso fanno la loro parte anche i colori e le tecniche di pittura, per esempio per creare sfondi a tema o ripiani ‘artisticamente modificati’. Essendo un po’ difficile da spiegare a parole, penso che vi mostrerò un po’ di foto di vetrine ‘work in progress’….

Il Draghetto che soffriva di vertigini

Ragazzi, vi mostro in anteprima la prima illustrazione realizzata per un nuovo racconto per bimbi che ho appena scritto.

Il racconto si intitola ‘Il Draghetto che soffriva di vertigini’ e racconta di come a volte le vertigini, o in alternativa le paure e i limiti, se accettati e vissuti con serenità (sia da se stessi sia da chi abbiamo intorno) possano portare a esperienze belle e preziose. Altro non vi racconto per non rivelare troppo… A presto con la seconda illustrazione!

Nuova collaborazione!

Una bella novità: la scorsa settimana ho scritto un articolo per una cooperativa della Val di Non, vicino a dove abito io. La cooperativa si occupa di ragazzi autistici più o meno gravi, e la rivista parla chiaramente dell’autismo in varie sfumature. Condivido con voi un pezzo del mio articolo e una notizia che mi ha dato una grande gioia: forse la direttrice della cooperativa mi contatterà per creare delle illustrazioni per un libretto in produzione…

UN VIAGGIO IN BARCA DA SOLI

Quando penso alla mia forma di autismo, la sindrome di Asperger, e alla mia convivenza con esso,  mi viene in mente che è come un viaggio in barca da soli, in mezzo al mare. Che lo si ami o no, bisogna riconoscere che il mare è bellissimo. E insidioso. Che può capitare di imbattersi in un tesoro sommerso o anche meno sommerso, come un’isola particolarmente bella, o il profilo lontano di una città affascinante vista da una prospettiva del tutto particolare. Ma può anche capitare di essere sorpresi da una tempesta, di ritrovarsi ai piedi di un’onda gigante che sta per abbattersi sulla tua barca, mentre tu, con il cuore in subbuglio, ti affanni per evitarla. Inutilmente, perché l’onda è troppo grossa e incombente, la tempesta è stata troppo imprevedibile, e andare in barca da soli in mezzo a un mare ignoto è qualcosa che non si dovrebbe fare, è troppo difficile governare la barca da soli.

Questo è il mio autismo per me. (continua…)

Per leggere il resto, bisognerà aspettare la rivista… a presto con aggiornamenti…

Finalmente mi presento su internet…

A causa della mia ignoranza tecnologica, i miei disegni e illustrazioni avevano galleggiato qualche volta su Facebook ma nulla di più… invece adesso, grazie a uno slancio di intraprendenza (insolito per me…) e con un enorme aiuto da parte della mia amica Cecilia, finalmente mi faccio conoscere anche qui su internet. Non è facile, sono tutti territori completamente inesplorati per me, ma pian piano si scoprono, anche se ho dovuto tirare fuori un bel po’ di coraggio!

Un’immagine che raffigura il mio rapporto con il mondo… mi fa un po’ paura e lo sbircio nascosta dietro una nuvola… come molti Asperger come me

Storia di un’immagine

Questo disegno è nato per completare una pagina di testo del mio libro ‘Io mi chiamo Giordi’. Mi dicevano che una pagina di solo testo senza illustrazioni in questo libro suonava stonata, quindi ho dovuto fare alcuni ‘disegni-cornici’ per abbellire le pagine di solo testo. Questa è una di quelle, eseguita con matita, china e pezzi di carta sporchi di colore strappati in piccoli brandelli.